Notizie utili

Sezione dedicata ad approfondimenti e pubblicazione di notizie utili, curiosità, articoli utili o di tendenza.

ANTEPRIMA NOVITA' CATALOGO MAKREGADGET 2015

Vuoi sapere quali sono i nuovi articoli del catalogo 2015?....in attesa dell'uscita del nuovo catalogo 2015 abbiamo pensato di proporti un video con alcuni nuovi prodotti e abbiamo messo a tua disposizione un catalogo pdf da scaricare: guarda i link sotto e goditi lo spettacolo!

CATALOGO DIGITALE A

CATALOGO DIGITALE B


Fra gli scelti per voi puoi leggere l'articolo sulla moda del momento :L'ASTA SELFIE, Sbarca nel promozionale l"Asta Selfie"! Pratica e maneggevole, dotata di telecomando bluetooth, sarà sicuramente un gadget "azzeccato" per grandi e piccini! Condividi un "Selfie" pure tu...

Resta sempre aggiornato, vieni a trovarci su www.makregadget.it, seguici su Facebook!

Documenti scaricabili sul tuo computer:

presentazione_Novita_2015

Novità_2015

LA FELPA TORNA DI MODA: PERCHE' NON APPROFITTARE DI UN CAPO DI GRANDE TENDENZA FRA I GIOVANI PER PROMUOVERE LA VOSTRA ATTIVITA'?

La felpa è senza dubbio uno degli indumenti preferiti e maggiormente utilizzati dalla fascia più giovane della popolazione, e questo nonostante le mode e le tendenze la abbiamo esclusa per un lunghissimo periodo di tempo, lasciandola relegata esclusivamente nell’ambito dell’attività fisica e dello sport in genere. Nelle ultime collezioni moda si vede però comparire anche la felpa tra i vari capi di abbigliamento quotidiano, proponendo soluzioni ed abbinamenti inediti e originalissimi per poter utilizzare la felpa, unita alla tuta, praticamente in qualsiasi occasione. La felpa è uno di quei capi di abbigliamento che ci ha accompagnato per tutta la nostra infanzia, grazie alla sua grande comodità e versatilità, che lo rende uno dei capi ideali per essere indossati in ogni momento. Esistono tanti modelli di felpe ma la felpa col cappuccio è la prima in classifica di gradimento tra i più giovani, in particolar modo tra coloro che amano un abbigliamento sportivo ma anche casual senza rinunciare a sentirsi dentro alle mode del momento e di tendenza.

Storia

La felpa non è nata fashion. Lo è diventata. Un po’ come i Jeans, con la differenza  che ormai la storia di questi ultimi la conoscono tutti, granzie anche al fatto che tutti ne hanno, almeno una volta, indossato un paio. La felpa con cappuccio, in slang definita Hoodie, ha una storia simile. La felpa nasce infatti come indumento da lavoro, indossato in particolar modo da quei lavoratori che stanno all’aria aperta, spesso in condizioni meteorologiche avverse.  In condizioni simili si ritrovavano anche gli sportivi durante gli allenamenti invernali. Non è ben chiaro chi fu il vero e proprio inventore della prima felpa, ma sta di fatto che proprio le divise degli sportivi passarono dalla lana al cotone rendendo cosi più comodi i movimenti degli atleti e soprattutto regolando al meglio la sudorazione. Furono le ragazze degli sportivi liceali a portare fuori la Felpa dall’ambito “tecnico” cominciando ad indossare le felpone dei lori fidanzati in giro per i campus. Dalle Cheerleader ai writer il passo fu breve: gli imbrattatori non autorizzati di muri, per nascondersi da eventuali agguati della polizia, si munirono di felpe cappucciate. Anche i brekers (ballerini) approfittarono dello stesso indumento per mantenersi caldi tra un freestyle e l’altro. Alla fine degli anni ‘60 la felpa con il cappuccio sbarcò in California: tra gli Z-Boys, e divenne il simbolo di una vita underground e lontana dagli schemi. Le Felpe spopolarono anche trai rapper, per esempio Wu Tang Clan e Cypress Hill utilizzavano le Hoodies per manifestare il loro stile crudo e diretto. Con il tempo la felpa ha riunito in un unico “cerchio stilistico” rapper, skaters, punk, hipohop, insomma tutte quelle “sottoculture” alternative almainstream.

 

Fra Cinema e Personaggi Pubblici
Inventore_FB
Diversi personaggi famosi hanno utilizzato la felpa come capo d’abbigliamento da sfoggiare in pubblico.
Un esempio eclatante? Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook: Felpa e ciabatte per una sua apparizione! 

Nel cinema la felpa viene largamente utilizzata, soprattutto dai giovani. Per darvi un esempio abbiamo deciso di citare 3 scene di 3 bellissimi film che se non avete ancora visto dovete assolutamente rimediare:

- Juno: la storia di una sedicenne che rimane incinta e decide cosi di dare in adozione il suo bambino. Una commedia romantica con Ellen Page e Michael Cera.
- Rocky, chi non lha visto questo “Must”! Nella scena qui sotto Silvester Stallone si allena con abbigliamento tipicamente sportivo: La felpa!
- Flashdance, film divenuto cult dopo le dure critiche quando uscì. Parla di una ragazza con un sogno: la danza. La seguente è una delle scene più famose di questo film dove la protagonista indossa una felpa con collo largo, che è entrata nell’immaginario come la felpa dei ballerini.
 

Juno   Roky    flashdance

 

 

 

 

Tipologie di felpe 
 

felpe 1

Esistono in commercio diversi tipi di felpa: si differenziano per la chiusura (felpa con cerniera intera, felpa con cerniera mezzo collo), per la presenza o meno del cappuccio, per il taglio delle maniche, per la tipologia e pesantezza del tessuto, per la presenza o meno delle tasche anteriori. Proponiamo i modelli più rappresentativi.     felpe 2

 

 

 

 

 

 

 

La felpa è un indumento comodo e pratico, soffice e confortevole e che protegge dal freddo. Perfetta per lo sport, per il quale è nato, questo indumento si sta affacciando sempre più nell’ambito moda: la felpa è diventata un indumento di tendenza, e viene indossato con una nuova interpretazione. E’ Amata dalle fashion blogger, ed è stata rilanciata dagli stilisti più famosi. Già dalla scorsa stagione, la felpa ha fatto il suo prepotente ritorno, uscendo dall’armadio o dalla borsa per la palestra: adesso la si indossa con i tacchi, con  la gonna, con un blazer elegante; Vediamo come poterla indossare in modo chic: felpe fashion

- Abbinata a jeans e tacchi: la felpa ed i jeans sono una coppia indissolubile che ha segnato le ultime generazioni. Come renderla più glamour? Con il tacco a spillo, che slancia la figura e dona a questo capo femminilità ed un allure sexy.
- Con la gonna: sicuramente è l’abbinamento più insolito e di impatto, che occorre studiare bene prima di adottare con disinvoltura. Sicuramente bene le gonne abbinate, le classiche longuette nere oppure le grandi gonne a plissè. Un “must” da provare: l’abbinamento da collegiale con felpa, gonna a pieghelunga a sfiorare il ginocchio, tacco o scarpa stringata (ad esempio il modello francesina) con calzino in caviglia.
- Per essere resa più chic La Felpa può essere indossata sopra alla camicia, rigorosamente bianca, azzurra o a quadretti.
- Per interpretare la Felpa in chiave elenganza la si può indossare sotto a un blazer, ad una giacchina, magari con pantalone classico a sigaretta (da ufficio).
Gli accessori da abbinare sono pochette anziché ampie borse,  gioielli brillanti, trucco e capelli da grande occasione. Così anche un capo casual come la felpa può trasformarsi in un dettaglio pieno di stile.

 

 Perchè allora non approfittare i questo capo di tendenza per promuovere la vostra attività?

Sul nostro sito www.makregadget.it troverete svariati modelli di felpe disponibili, tutte personalizzabili con il vostro logo e con tecniche diverse.

Le felpe possono essere personalizzate con stampa ad 1 colore, ma anche con stampa a 2-3-4 colori. Potrete personalizzarle con stampa in quadricromia sia su fondi chiari che su fondi scuri. Le felpe possono essede stampate con inchiosti glitter per rendere più alla moda il vostro logo. Potrete sfruttare anche la stampa con l'effetto gommato per far risaltare il logo sulla Felpa.

Oppure potrete personalizzarle con ricami di ogni genere. Qualunque sia il vostro logo troveremo una soluzione "cool" per personalizzare questo capo di abbigliamento adatto alla prossima stagione.

 

Vi presentiamo inoltre la nuova invenzione di Fruit of The Loom: una felpa con il cappuccio stam­pabile sul retro! Il cappuccio in questo caso è stato realizzato senza cuciture centrali in modo da poter essere stampato su tutta la superficie sul retro! Differenzia la tua promozione ideando una grafica originale e divertente!

 

felpa cappuccio stampabile

 

 

 


Documenti scaricabili sul tuo computer:

La felpa

IL REGALO COME MEZZO DI COMUNICAZIONE

Fare regali ai clienti è un'usanza molto diffusa in tutto il mondo. Negli ultimi anni la crisi ha ridotto i budget ma non si è persa l'abitudine. Da recenti studi effettuati emerge infatti  come l'omaggio aziendale sia ancora un’abitudine molto sentita. La maggior parte delle aziende continua a fare regali ai clienti nonostante la crisi economica degli ultimi anni. Gli oggetti variano dai più comuni articoli promozionali ad oggetti curiosi e originali fino al completamente bizzarro. Ovviamente il regalo bizzarro è molto spesso anche il regalo più inutile ma al tempo stesso è quello che fa continuare a parlare di chi l'ha fatto. Per regalare qualcosa ai clienti non esistono delle regole ben precise se non quelle di essere coerenti con l'obiettivo che vogliamo raggiungere: stupire, coccolare, fidelizzare o rassicurare chi lo riceve.

 Il regalo è comunque un'usanza e come tutte le tradizioni esistono dei principi da rispettare, specie se abbiamo a che fare con culture diverse che non conosciamo. In Cina per esempio, è meglio non regalare un ombrello, e neanche oggetti di colore bianco. Non regalate mai ad un cinese oggetti appuntiti come coltelli, forbici e tagliacarte, così come tutte le cose che servono a segnare il tempo dall’orologio al calendario, mentre  è fondamentale incartare sempre i regali ricordando di non usare i colori bianco e nero ma preferire le carte rosse  o dorate e siate pronti ad insistere se la persona fa gesto di rifiuto al vostro regalo, anche questa è un’usanza. In India, dato che è importante ricambiare il regalo, se questo è troppo costoso potrebbe mettere in serio imbarazzo chi lo riceve.  Se andate a far visita ad un indiano ricordatevi che sono molto apprezzati i regali che rappresentano una specifica cultura (es. un coltellino svizzero, un profumo francese, degli zoccoli olandesi, ecc.).

L’usanza del regalo ha origini molto antiche. Risale alle “strenne” dei Romani: rami consacrati che la gente donava come augurio di prosperità e di abbondanza il primo gennaio. Secondo la leggenda, fu il re dei Sabini, Tito Tazio a dare origine alla tradizione: chiedeva infatti ai suoi sudditi, ogni capodanno, che portassero in regalo un ramoscello di alloro o di ulivo colto nel bosco sacro della dea Strenia, da cui deriva il termine di oggi “strenna”.

Anche per fare regali, ci vuole abilità, ispirazione ed estro. Ci sono gli appassionati del regalo, quelli per cui è un piacere, quasi un hobby e partono in netto anticipo. Poi ci sono gli svogliati dell’ultimo momento, per cui i regali sono un obbligo e oltre al denaro costano anche fatica. Per alcuni solo pensarci è fonte di stress, per altri è un’ abitudine piacevole che mette in moto la fantasia alla ricerca del regalo ad hoc per il destinatario prescelto.

Il significato alla base del gesto del regalare è un dare senza ricevere ma in realtà chi fa un regalo riceve sempre qualcosa in cambio:  chi fa un regalo riceve attenzione. Il regalo diventa così un mezzo di comunicazione  e se  viene fatto nel modo giusto diventa per l'azienda uno strumento di marketing indispensabile. In quanto mezzo di comunicazione il dono deve avere cura del destinatario. In questo senso noi vogliamo che ciò che regaliamo piaccia, sia utile, sia in qualche modo apprezzato. Più il dono sarà "quello giusto", più sarà ricordato colui che lo ha fatto.

 

Presupposto fondamentale per questo è che, in principio, venga focalizzata l'attenzione sulle persone (e non sull'oggetto da acquistare): è così che va cercato un regalo. Innanzitutto bisogna sapere cosa è gradito al destinatario, e quindi richiamare alla memoria la nostra conoscenza di quella persona, come la valutiamo, cosa abbiamo in comune e cosa non condividiamo, cosa egli vorrebbe. Ma dobbiamo anche riflettere su di noi, e in particolare su cosa vogliamo comunicare con quel dono. 

 

 

10 REGOLE PER NON SBAGLIARE REGALO:

  1. Non regalate abbigliamento se non siete sicuri della taglia del destinatario. Non c'è niente di più sbagliato di regalare, per esempio ad una donna, un capo di una taglia troppo grande. Sarebbe come averle detto che è grassa.

  2. Non avventurarsi in campi sconosciuti e se non avete nessuno che possa aiutarvi. Per esempio non regalate vini se non conoscete la differenza tra uno chardonnay e un prosecco!

  3. Non regalate oggetti troppo intimi se lo scambio deve avvenire insieme ad altre persone o durante una cena. Immaginate l'imbarazzo del destinatario nello scartare un intimo leopardato o un romanzo erotico.

  4. Non regalate coupon o carte prepagate se volete dimostrare di esservi sforzati a pensare a qualcosa di molto personale per il destinatario.

  5. Mai regalare una crema antirughe ad una donna.

  6. Mai regalare un peluche ad un uomo.

  7. Non regalate oggetti "boomerang" ovvero tutti quei regali per i quali sia esplicito il vostro tornaconto personale.

  8. Evitate di regalare esperienze: immaginate una persona che soffre di vertigini che riceve un coupon per un giro in mongolfiera.

  9. Non arrischiatevi con regali alimentari se non sapete di preciso quando consegnerete il regalo. C'è il rischio di regalare prodotti scaduti.     

  10. Non riciclate regali: prima o poi sarete scoperti!

Documenti scaricabili sul tuo computer:

Il regalo come mezzo di comunicazione